Home

Auguri AUPAT da p. Renzo Busana

Carissimi tutti di AUPAT,

Voglio anch’io unirmi alla gioia di questa felice ricorrenza anniversario di 20 anni d’esistenza generosa, ricca di frutti, impegnata.

Negli corso di tutti questi anni siamo stati in stretto contatto malgrado la distanza geografica che separa l’Italia dall’Africa e spesso abbiamo beneficiato dell’amicizia e della solidarietà venendo in questo modo in aiuto a tante persone che vivono in situazioni difficili o di povertà.

Lo sviluppo passa attraverso il cambiamento di mentalità e le buone pratiche che permettono di uscire dai differenti  circoli viziosi che affliggono la nostra gente. Difficoltà a programmare; l’abitudine a  vivere giorno per giorno senza riuscire a risparmiare o a ben conservare (le sementi per esempio); l’affidarsi a tecniche di allevamento o di coltivazione ancestrali senza aprirsi alle nuove conoscenze agricole o veterinarie…

Grazie ad AUPAT  abbiamo potuto scrivere dei bei capitoli operando del territorio di Babonde, nella Repubblica Democratica del Congo, aiutando a conservare le sementi dopo il raccolto in attesa delle nuove semine; introducendo nuove culture (cacao) e rinforzandone altre (altre); iniziando un buon numero di persone all’allevamento di una nuova razza di maiali; associando dei gruppi di persone in embrionali cooperative per la coltivazione dei campi.

Un antico maestro insegnava così: “Pensare globale. Agire locale”. Ci sembra, con AUPAT, di aver tentato di declinare nel piccolo questa ‘massima’. A Dio piacendo potremo tentare di scrivere altri capitoli di cooperazione e di sviluppo, capitoli utili e belli. Buona festa a tutti.

p. Renzo Busana

Gbonzunzu 16.11.2020

18 ottobre 2020: giornata missionaria

(…) Capire che cosa Dio ci stia dicendo in questi tempi di pandemia  diventa una sfida anche per la missione della Chiesa. La malattia, la sofferenza, la paura, l’isolamento ci interpellano. La povertà di chi muore solo, di chi è abbandonato a sé stesso, di chi perde il lavoro e il salario, di chi non ha casa e cibo ci interroga. Obbligati alla distanza fisica e a rimanere a casa, siamo invitati a riscoprire che abbiamo bisogno delle relazioni sociali, e anche della relazione comunitaria con Dio. Lungi dall’aumentare la diffidenza e l’indifferenza, questa condizione dovrebbe renderci più attenti al nostro modo di relazionarci con gli altri. E la preghiera, in cui Dio tocca e muove il nostro cuore, ci apre ai bisogni di amore, di dignità e di libertà dei nostri fratelli, come pure alla cura per tutto il creato. L’impossibilità di riunirci come Chiesa per celebrare l’Eucaristia ci ha fatto condividere la condizione di tante comunità cristiane che non possono celebrare la Messa ogni domenica. In questo contesto, la domanda che Dio pone: «Chi manderò?», ci viene nuovamente rivolta e attende da noi una risposta generosa e convinta: «Eccomi, manda me!» (Is 6,8). Dio continua a cercare chi inviare al mondo e alle genti per testimoniare il suo amore, la sua salvezza dal peccato e dalla morte, la sua liberazione dal male (Mt 9,35-38; Lc 10,1-12).

(…) Celebrare la Giornata Missionaria Mondiale significa anche riaffermare come la preghiera, la riflessione e l’aiuto materiale delle vostre offerte sono opportunità per partecipare attivamente alla missione di Gesù nella sua Chiesa.

(…) La Santissima Vergine Maria, Stella dell’evangelizzazione e Consolatrice degli afflitti, discepola missionaria del proprio Figlio Gesù, continui a intercedere per noi e a sostenerci.

Dal messaggio di Papa Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale 2020

Associazione Aggiungi Un Posto A Tavola - Privacy Policy
Banco Posta IBAN: IT54Y0760102400000018404525 - BCC Felsinea IBAN: IT65W0847237070000000075514