Progetto 35 – Produzione detersivi – Douala – Camerun

Lancio: Aprile 2020

Ultimazione: Dicembre 2020

Obiettivo raccolta: € 2.000,00

Contributi assegnati: € 700,00

Questo progetto molto originale è stato ideato da Paul Simo. Paul ha 29 anni, è originario del Camerun e dal 2014 vive a San Lazzaro di Savena presso la comunità parrocchiale di San Lorenzo del Farneto. La sua avventura è partita nel suo paese natale in Camerun, quando, dopo aver conseguito la laurea in Biologia, ha vinto una borsa di studio che gli ha offerto la possibilità di proseguire gli studi in Italia, presso il dipartimento di Chimica e Tecnologia Farmaceutica dell’Università di Bologna. Durante il suo percorso di studi, Paul ha iniziato a coltivare l’idea di studiare per arrivare a fare qualcosa di concreto per il suo paese di origine. Dopo tanto impegno e diversi tentativi a volte purtroppo falliti, nel 2019 ha individuato la possibilità di fare una tesi di laurea che lo ha portato all’idea di avviare una nuova impresa produttrice di detersivi liquidi in Camerun. Grazie alle due lauree conseguite, Paul avrebbe avuto diverse alternative lavorative post laurea in Italia, ma il suo intento era quello di voler fare qualcosa per il suo paese d’origine mettendo a frutto i suoi talenti e facendo una scelta controcorrente: tornare in Camerun.

Laurea Paul Simo

Dopo la laurea conseguita a febbraio 2020, Paul è partito per la città di Douala che è un importante porto commerciale e centro del business del Camerun. A Douala, Paul sta avviando il suo progetto imprenditoriale per la produzione di detersivi liquidi grazie anche al sostegno di alcuni imprenditori di Pianoro che metteranno a disposizione macchinari, attrezzature e consulenza economica. Gli imprenditori hanno chiesto a Paul Simo di entrare quale socio, nel capitale della costituenda Società, con una quota che contribuirà all’avviamento dell’impresa per l’espletamento delle pratiche burocratiche e amministrative, per l’organizzazione della parte logistica/ gestionale e lo sviluppo commerciale. Anche la Parrocchia del Farneto che conosce Paul da tanti anni crede in lui e ha deciso di sostenerlo economicamente. Questo progetto è davvero molto ambizioso e necessita di un ulteriore supporto economico che Paul in prima persona attualmente non riesce a garantire. Nella sua decisione entrano però in gioco i suoi valori e il suo credo profondo, che sono molto in linea con lo spirito della nostra associazione: cambiare in meglio il nostro mondo distribuendo in modo più equo le ricchezze tra Nord e Sud del mondo.

Anche se Paul non è un missionario, questo progetto è molto vicino a ciò che AUPAT da anni sostiene: contribuire alla nascita di una nuova impresa in Africa offrendo lavoro alle persone in loco. Nella sua impresa Paul prevede l’assunzione di una decina di dipendenti in loco e il contributo di Aupat andrà a sostegno degli stipendi mensili per il personale impiegato in Camerun per un totale di €2000.

Paul Simo è il referente in loco, con l’impegno di inviare frequentemente aggiornamenti su come procede la sua avventura imprenditoriale. Gli eventuali utili ricavati dal nostro contributo saranno destinati a sostenere altri progetti sociali in Camerun.

Progetto 23 – Ndongue

Acquisto attrezzature per produzione
Olio di Palma

Lancio 12/09/2012
Ultimazione 30/04/2013
Obiettivo raccolta euro 3.600
Contributi assegnati euro 3.600

Accogliamo la richiesta di P.Antonio Panteghini che dalla sua missione in Cameroun ci presenta il seguente progetto:

Nella nuova missione dove mi trovo da un anno, nel villaggio di Ndoungué (a 15 chilometri da Nkongsamba) c’è abbondanza di palme da olio, la nostra  missione ne ha diversi ettari, e l’estrazione dell’olio si fa da tempo, ma con
una metodologia che non rispetta l’igiene e che non sfrutta a pieno la capacità produttiva di questo frutto. L’olio di palma è la base della cucina africana (come l’olio d’oliva da noi). Da quando sono arrivato in questa missione ho visto subito la potenzialità di questo prodotto con possibilità di aiutare la gente della zona sia per l’uso immediato che loro ne potrebbero fare e sia anche per produrne abbastanza da vendere e dare loro la possibilità di guadagnare qualche cosa. Il mio progetto sarebbe di costruire un frantoio che possa produrre questo olio in modo igienico e abbondante. Un frantoio che serva per la nostra produzione ma anche disponibile per tutti gli abitanti della zona che varrebbero approfittarne. L’attesa della gente per questo progetto di cui sono al corrente, è grande. Un progetto abbozzato prevede una spesa di 25.000 euro per costruire la struttura coperta (per poter operare durante
il lungo periodo delle piogge) e comperare il macchinario necessario. Questo materiale è disponibile qui i Italia e resterà da trasportare sul posto, per container. Cosa chiederemmo a “Aggiungi un posto a tavola”? una contribuzione alle spese di questa struttura di utilità alimentare. Ogni contribuzione sarà preziosa e si aggiungerà a quanto sto cercando di raccogliere in questi mesi qui in Italia. Vi ringrazio in anticipo per l’attenzione che darete a questo progetto e che la vostra generosità si concreterà, come già avete fatto diversi anni fa, per altre iniziative di carattere alimentare, che avete sostenuto con sincera partecipazione. 
Auguro alla vostra Associazione “AUPAT” che da parecchi anni opera nel sostenere iniziative di carattere alimentare di continuare lungo in una attività educativa e formativa qui in Italia, e tanto utile concretamente nei Paesi in via di sviluppo.
Il nostro progetto è quello di contribuire all’acquisto del materiale per la realizzazione della struttura e dei macchinari necessari, per un contributo totale di 3.600 euro.

Referente in loco: P. Antonio Panteghini

Progetto 12 – Nkongsamba

Distribuzione settimanale biscotti a poveri e orfanotrofi

Lancio 29/01/2007
Ultimazione 03/05/2008
Obiettivo raccolta euro 4.000
Contributi assegnati euro 4.000

Padre Antonoi Panteghini ci scrive che la sua congregazione ha costituito una ONG “CHILDREN CARE-CAMEROUN” per gestire una piccola fabbrica di prodotti da forno con impianti, macchinari e messa in funzione ricevuti in dono da una ditta italiana di Rovereto. La fabbrica utilizza in maggior parte meterie prime locai per produrre biscotti ad alto potere nutrizionale, con lo scopo principale di ridurre la malnutrizione infantile e di altre categorie di persone emarginate.
La ONG Childern Care intende pertanto cominciare con distribuzioni gratuite ai poveri (orfanotrofi, prigioni, ricoveri per anziani) per passare poi sucessivamente anche a vendite sul mercato, al fine di poter mantenere in piedi il progetto.
Nella riunione del 07/03/2007 il Comitato Esecutivo ha deciso di finanziare il costo delle materie prime per la durata di un anno, per la distribuzione settimanale a circa 200 persone disagiate.

Referente in loco:P. Antonio Panteghini

Progetto 3 – Bafousam

Pasto di mezzogiorno per giovani ex-carcerati

Lancio 20/05/2002
Ultimazione 17/12/2002
Obiettivo raccolta euro 3.100
Contributi assegnati euro 3.100

ssono imparare a essere falegnami, meccanici, muratori, rilegatori, elettricisti, sarti, e altre attività come la fabbricazione del sapone e l’apicultura. Inoltre vengono organizzate scuole di recupero per gli analfabeti e i semianalfabeti. La scuola è aperta dal lunedì al venerdì e alla sera i ragazzi rientrano nelle proprie famiglie.
Tra i problemi rilevanti (insegnanti, materiali, ecc) c’è il dover dare loro il pasto di mezzogiorno ed è questo che il nostro progetto mira a sostenere.

Referente in loco: Padre Bernard Groux (Missionario Dehoniano)