Sospensione Progetto 32

Padre Daniele Gaiola ci ha inviato una notizia importante sul Progetto 32 avviato da AUPAT lo scorso dicembre 2017.

Per correttezza ai sostenitori dei progetti di AUPAT, ritengo doveroso informare che il Progetto per l’adeguamento della casa degli studenti (batterie, pannelli solari e cisterna per acqua) a Nauela in Mozambico, non potrà avere seguito. Il motivo che ci è stato onestamente detto è che il padre missionario Augusto Nicolau, a Marzo, a causa di una malattia fulminante, è tornato alla Casa del Padre. Era lui il responsabile della missione degli internati degli studenti. Ora a motivo di scarso personale, la missione è sguarnita. I missionari dehoniani lì presenti vedono la necessità di portare avanti le opere di padre Augusto, ma nel momento si rendono conto di non poter gestire in modo conveniente non solo l’adeguamento necessario alla casa degli studenti ma neppure una manutenzione che possa durare negli anni. Abbiamo apprezzato molto l’onestà e serietà di questa scelta da parte dei missionari facendo richiesta che i soldi già raccolti siano usati per un progetto che possa essere seguito e realizzato in maniera consona.

Il Direttivo AUPAT sta valutando un progetto alternativo a cui devolvere i contributi raccolti per il Progetto 32.

Progetto 32 – Mozambico – Nauela Zambezia

Progetto “Casa alloggio studenti” a Nauela Zambezia

Lancio: Dicembre 2017

Ultimazione: PROGETTO SOSPESO

Obiettivo raccolta: € 2.000

Contributi assegnati: € 0

[IL PROGETTO 32 E’ STATO SOSPESO CAUSA L’IMPROVVISA SCOMPARSA DEL MISSIONARIO REFERENTE IN LOCO PADRE AUGUSTO NICOLAU SCJ]

La missione di Nauela è una delle prime fondate dai padri dehoniani ed è stata  quasi totalmente distrutta a causa della guerra. Il referente in loco, padre Augusto scj, ha cominciato a recuperare alcuni stabili. Tra questi vi sono i locali necessari per l’accoglienza di giovani studenti che dalla foresta si spostano percorrendo anche 70-80 Km per raggiungere la scuola secondaria, unica nella zona vicina alla missione. Tutto ciò comporta l’esigenza di ristrutturare uno stabile dedicato alla “residenza” dei ragazzi durante la settimana. È davvero importante rendere possibile a 20 o più ragazzi la possibilità di studiare, e di poter farlo nelle minime condizioni possibili.

La casa alloggio (chiamata lar in portoghese) è stata individuata e riabilitata. Attualmente la casa è però ancora sprovvista di energia elettrica e di acqua.

Il progetto intende contribuire alla realizzazione di un impianto fotovoltaico e di una cisterna per la raccolta dell’acqua. Questi sono in sintesi i costi necessari per la realizzazione del progetto:

  • Deposito acqua: 800 euro
  • 6 Batterie: 400 euro
  • 1 Inverter: 300 euro
  • 4 Pannelli: 500 euro.

Il totale finanziato dal progetto ammonta a 2.000 euro.

Referente in loco: padre Augusto scj, responsabile della missione di Nauela.