Aggiornamenti Progetto 32bis

Aggiornamenti Progetto 32bis

Carissimi Sostenitori di AUPAT,

abbiamo ricevuto da p. Renzo Busana un aggiornamento sul progetto “Agricoltura e allevamento a Babonde” che vi riportiamo di seguito. Nella sua mail, viene fatta la richiesta di estendere il contributo di AUPAT da 1.500 euro a 2.250 euro. Il Direttivo ha approvato questa richiesta auspicando nella generosità di tutti i soci e sostenitori di Aggiungi un posto a tavola.

Carissimi,

scusate il ritardo nella risposta, ero in viaggio e leggendo la vostra mail ho preso l’iniziativa di acquistare un maiale maschio che ci mancava per l’appunto. Diciamo che abbiamo investito sulla fiducia che ci avete dato. Giusto oggi, lo abbiamo introdotto nella stalla. Il suo costo è di 250 dollari. Per il momento non pensiamo di acquistarne altri. Per questo con il vostro contributo pensiamo di sostenere altre iniziative di agricoltura come quella della promozione della coltura della soja, del cacao e del caffè.

Da diverso tempo abbiamo una necessità alla quale non siamo ancora riusciti a dare risposta. Abbiamo un trattore che utilizziamo principalmente per trasporto materiali da costruzione e in questo momento stiamo costruendo un laboratorio di falegnameria per la scuola di falegnameria che ha raggiunto oramai il suo quarto anno di attività. Manchiamo di un attrezzo da attaccare al trattore per lavorare la terra e questo sarebbe utilissimo per incentivare qualche coltivazione che è attualmente fatta essenzialmente a braccia (zappe). Vista la vostra disponibilità vi chiedevo se sarete disposti ad aumentare il vostro contributo. Un attrezzi del tipo che cerchiamo costa 1.800 euro ai quali occorrerebbe aggiungere 200 euro per il trasporto da Kisangani a Babonde. Che ne dite? Invece che 1.500 euro arrivare a 2.250 euro?

Vi invio qualche foto di oggi e del nuovo maiale acquistato e trasportato da Isiro a Babonde nel bel mezzo di altri bagagli nella nostra Land Rover.

Grazie per avere pensato ai progetti di Babonde.

Un carissimo salutone a tutti voi

P. Renzo Busana scj

admin

I commenti sono chiusi